Share

×

I Folletti di Jacopo

Marco Maino

Ho visto i folletti
sparsi per tutto il mondo
li ho visti
con questi miei occhi.
Potrei
descriverli tutti
musici magici
folli alchimisti.

Un, due, tre
chi li ha mai visti
questi tuoi
folletti alchimisti?
Un, due, tre
cosa diranno?
chi lo sa cosa faranno!

Ho visto i folletti
in azzurri infiniti
delle proprie menti
maghi creativi.
Sulla terra e nel vuoto
come tu mi dicesti
in quelle notti
di mille anni fa!

Un, due, tre
chi li ha mai visti
questi creativi
folletti alchimisti?
Un, due, tre
qual è la notte?
se non è il sol quando si spegne!

Il fiume più in là
riflette le stelle
e l’orizzonte
poi si confonde
di immagini chiare
di abiti bianchi
di sguardi sul ventre
ed ora hai i miei occhi.

Un, due, tre
li hai già visti
questi tuoi
folletti alchimisti!
Un, due, tre
cosa diranno?
ora lo sai cosa faranno!
Un, due, tre
l’importante
è la strada
sola insegnate!
Un, due, tre
seguiti ora
che la strada non è una sola!

-recitato-
Vedo arrivare da lassù, dalla collina
una moltitudine di pensieri.
Come cavalli al galoppo, mi travolgeranno
ma mio Dio, esistono dunque tanti pensieri così nel mondo?